camere ville casali in Toscana per agriturismo o B&B a Saturnia in Maremma presso le Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, 20 minuti d'auto le tombe di Sovana, le antiche cittÓ di Pitigliano e Sorano

S a n    L e o n a r d o

agriturismo a Saturnia in Toscana

     home                         booking                          pagamento online                         condizioni                          contatti  english   franšais   duetsch

Home :: Itinerari da Saturnia :: Parco dell'Uccellina e Magliano

Agriturismo a Saturnia per terme e turismo nella Maremma Toscana

Parco Naturale dell'Uccellina, Magliano e Montiano

Una visita da non perdere è certamenta quella al Parco Naturale dell'Uccellina che si estende da Talamone fino alla foce dell'Ombrone. Dal nostro agriturismo a Saturnia occorrono 50 minuti di auto per raggingere il Parco dell'Uccellina, seguendo la strada che passa per Montemerano, Manciano, Albinia e poi la via Aurelia fino ad Alberese. Al ritorno vi consigliamo una sosta anche a Magliano.

Magliano
- Antica città etrusca, poi romana.
- X sec. Questo territorio fa parte del feudo della famiglia Aldobrandeschi.
- XV sec. Magliano è inglobato nel territorio senese.
Mura
Le fortificazioni sono ancora molto belle; la parte principale è rinascimentale, solo una piccola parte risale all'epoca degli Aldobrandeschi (XIII sec.).

San Martino
Forse la prima chiesa di Magliano che risale al XI sec. ossia governo degli Aldobrandeschi.
La facciata è semplice con un portale ornato da due piedritti scolpiti in modo abbastanza primitivo. A sinistra, un uomo, con la testa coperta da un casco, tiene una spada; egli è pronto a colpire un dragone. Si tratta probabilmente di san Giorgio che, all'esterno della chiesa, affronta le forze del male e le elimina.
All'interno affreschi con deposizione di Cristo attribuita da alcuni a Pietro Lorenzetti, uno dei grandi maestri della pittura senese del XIV sec. Autore della Natività del museo dell'Opera del Duomo, con suo fratello Ambrogio, introdusse a Siena la ricerca sulla forma condotta da Giotto a Firenze.
Campana in bronzo del 1625.
Serie di affreschi del XV sec. di un artista anonimo senese raffiguranti diversi santi; forse ex-voto offerti dai fedeli a seguito di preghiere esaudite: S.Rocco, S.Caterina d'Alessandria, S.Martino, S.Agostino.
Palazzo dei Priori e del Capitano
Questo edificio, con la facciata ornata dagli stemmi dei vari priori, ospitava i rappresentanti del comune di Siena che esercitavano il potere esecutivo e giudiziario.
San Giovanni Battista
La facciata Rinascimentale - rare in Toscana - è ornata da un portale ed un rosone; secondo alcuni, essa potrebbe essere stata concepita da Francesco di Giorgio Martini, un artista affascinante e poliedrico. E' l'autore della straordinaria chiesa del Calcinaio a Cortona, ma anche del piccolo oratorio di Santa Maria delle Nevi à Siena, dove si ritrova la stessa disposizione dei pilastri come sulla facciata di Magliano.
Gli affreschi sono di un pittore anonimo della scuola senese del XV sec.
All'entrata del coro due colonne con capitelli romanici.
Quadro, datato 1575, rappresentante la Predicazione di san Giovanni Battista di Arcangelo Salimbeni, morto nel 1590.
Il santo tiene il bastone in una manoe e con l'altra mostra l'agnello divino ai discepoli sant'Andrea e san Giovanni l'Evangelista.

Palazzetto di Checco il Bello
Questa costruzione di architettura gotica tardiva è ornato da tre finestre bifore, oggi murate.
Santissima Annunziata
Uscendo dalla porta San Giovanni, si gira a destra; la chiesa si trova a un centinaio di metri. Vale la passeggiata poiché si scopre una bella veduta sulle mura della città. La Santissima Annunziata su fondazioni romane, è stata ingrandita nel XV sec.

INTERNO
Madonna che allatta, di Neroccio
Questo quadro sull'altare maggiore è un frammento d'un opera maggiore come indica la mano a sinistra che regge una palla d'oro. Neroccio ere cognato di Francesco di Giorgio Martini. Essi hanno lavorato molto insieme e si sono separati quando Francesco si è interamente dedicato all'architettura.
Il viso della Vergine, molto delicato, è pieno di dolcezza.
Le proporzioni del seno della Madonna sono curiose, ma ciò aggiunge grazia all'opera. Se Neroccio utilizza ancora un linguaggio arcaico, gli elementi architetturali del fondo provano che egli conosce lo stile Rinascimentale.
Tra gli altri affreschi, la Presentazione della piccola Maria al Tempio.

Olivo della Stregone a circa 150 metri dietro Santissima Annunziata che si dice abbia più di tremila anni con un diametro di circa tre metri.
San Bruzio rovine romaniche di un monastero del XXII sec.
Montiano - Bellissima vista a 360 gradi su tutta la regione che spazia dal Monte Argentario al Monte Amiata, Talamone e Giglio.
Pereta - Porta senese restaurata nel 1546 e la chiesa Santa Maria.
Scansano - Villaggio a struttura medievale, più bello visto dall'esterno.
Manciano - La Rocca (1424) e Oratorio della Santissima Annunziata

Top


Copyright © 2008 - 28-1-2016 - SAN LEONARDO - Piva 09750240583 - L'uso di questo sito costituisce accettazione delle Condizioni ivi illustrate. - mail@saturnia.toscana.it