camere ville casali in Toscana per agriturismo o B&B a Saturnia in Maremma presso le Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, 20 minuti d'auto le tombe di Sovana, le antiche cittÓ di Pitigliano e Sorano

S a n    L e o n a r d o

agriturismo a Saturnia in Toscana

     home                         booking                          pagamento online                         condizioni                          contatti  english   franšais   duetsch

Home :: Itinerari da Saturnia :: Montemerano

Un gradevole intermezzo nelle vostre vacanze in agriturismo a Saturnia

Montemerano

 

A 10 minuti di auto dal nostro casale per Agriturismo a Saturnia, distante 200 metri dalle "Terme di Saturnia", si trova il grazioso paese di Montemerano. Dal casale San Leonardo esso dista 5 km, 6 km dal podere per agriturismo Vignagrande. Montemerano si trova su una collina incorniciata da fitti oliveti a metà percorso, seguendo la Strada Provinciale N.10 della Follonata, che da Saturnia porta a Manciano.

Questo piccolo villaggio agricolo ha conservato il suo aspetto medievale e visitarlo è un interessante intermezzo nel corso del vostro soggiorno in agriturismo a Saturnia o durante le vostre attività termali nelle piscine delle "Terme di Saturnia".
Montemerano è stata una antica città etrusca poi romana. Questo territorio ha fatto parte del feudo Aldobrandeschi e successivamente è stato inglobato nei territori senesi.

Le Mura
Queste fortificazioni del XV sec. sono ancora molto belle; solo una piccola parte a sud-est risale all'epoca degli Aldobrandeschi.

San Martino
Bella chiesa romana del XI o XII secolo, ossia il periodo durante il quale la città passò sotto il controllo degli Aldobrandeschi.

San Giorgio
Chiesa del XV sec. addossata alle mura d'origine più antica. L'abside ed il transetto sono del V sec. l'interno è stato completamente rimaneggiato nel periodo barocco.
Assunzione del Vecchietta.
Bassorilievo in legno policromo realizzato tra il 1455 ed il 1465. Il Vecchietta pittore, ma soprattutto scultore, fu influenzato da Donatello. Una delle sue opere più importanti è l'affresco dell'Ospedale di Santa Maria della Scala a Siena. La sua famosa Assunzione di Pienza è del 1461, ossia contemporanea di questa che si trova a Montemerano, meno importante.
L'Assunzione di Pienza è una tavola a fondo dorato, tipico del quattrocento senese. Poiché gli era stata commissionata dal papa Pio II medesimo, si può immaginare che, per la chiesa di Montemerano, Vecchietta abbia lavorato con qualche assistente.
Arco trionfale ornato da due angeli che reggono un tendaggio in maniera teatrale.

San Pietro, del Vecchietta statua in legno policromo.

Madonna della Gattaiola.
Questa Madonna della gattaiola faceva evidentemente parte d'una Annunciazione. Essa è stata dipinta verso il 1450 da un artista anonimo, soprannominato di conseguenza il Maestro di Montemerano, facente parte del circolo del Sassetta.
A l'origine, questa opera doveva essere servita per un tabernacolo o, forse, per ornare un organo. Essa è poi stata utilizzata come porta d'un magazzino e forse in quell'epoca è stato praticato nella parte inferiore il foro circolare da cui deriva il nomignolo popolare.
E' una composizione relativamente modesta ma piena di charme accresciuto dall'atmosfera di questa piccola, antica, città provinciale.

Coro
I soggetti degli affreschi del XV sec. di anonimo allievo di Andrea di Nicola - che ha lasciato due affreschi nella chiesa di Santa Maria a Sovana - sono l'Epifania, la Natività, il Padre Eterno, la Madonna, il Massacro degli innocenti, gli Evangelisti e gli Apostoli.
L'Epifania appare molto influenzata dalla pittura germanica ed i castelli nel paesaggio sono parimenti molto nordici.

Madonna con Bambino di Sano di Pietro.
Su un trono con San Pietro, San Giorgio, San Lorenzo, Sant'Antonio da Padova. Questo pittore senese del XV secolo è stato molto prolifico; talvolta la sua opera è di qualità disuguale. Ma l'opera di Montemerano è importante.
Come sempre, Sano usa i fondi dorati, cari agli artisti del trecento. Parlando in una lingua arcaica, coglie l'attenzione anche dell'uomo del XX secolo, impiegando i colori in modo incomparabile.

1458 - Elezione di Pio II dopo la morte del primo papa Borgia, Callisto III, ritratto parimenti da Sano di Pietro.

Cantoria in legno
Come la decorazione dell'arco trionfale, questa cantoria dà una certa aria teatrale alla chiesa.
Cappella barocca
Questa cappella presenta ancora, sotto i suoi stucchi barocchi, delle tracce di alcune strutture che risalgono all'anno mille

Top


Copyright © 2008 - 28-1-2016 - SAN LEONARDO - Piva 09750240583 - L'uso di questo sito costituisce accettazione delle Condizioni ivi illustrate. - mail@saturnia.toscana.it